OLYMPUS DIGITAL CAMERAGli Appennini sono stati per secoli la spina dorsale dell’economia italiana. Negli ultimi decenni, tuttavia, hanno visto sminuire il loro ruolo a tutti i livelli.

Ecco perché Slow Food Italia, per la prima volta nel novembre 2013, ha convocato gli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino riunendo agricoltori, allevatori, artigiani, rappresentanti di consorzi provenienti da tutta la fascia appenninica, per ribadire che solo con un modello di agricoltura collettiva è possibile parlare di futuro. A marzo 2014, poi, in Umbria è stato presentato un Manifesto volto a rilanciare una nuova stagione di rinascita sociale, economica e di riconquista del tessuto di cultura e tradizioni dei territori della dorsale italica.

L’obiettivo di questa nuova convocazione è mettere a disposizione progetti ed esperienze per creare un luogo di elaborazione partecipata permanente che contribuisca a lanciare, una nuova stagione per gli Appennini. Gli attori di questa elaborazione saranno le realtà produttive e sociali che vivono l’Appennino, ma anche la cultura, l’arte e la scienza nonché, naturalmente, la politica.

Il 16, 17 e 18 ottobre, allora, tutte le realtà coinvolte nel progetto si ritroveranno a Castel del Giudice (IS), per la convocazione degli Stati Generali delle Comunità dell’Appennino. Si farà il punto della situazione sullo stato di avanzamento dei lavori dei diversi gruppi tematici, si affronteranno le nuove sollecitazioni e si accoglieranno i diversi contributi.
È possibile aderire al progetto attraverso la compilazione dell’apposito modulo sul sito http://www.slowfood.it/stati-generali-delle-comunita-dellappennino/